D 1.2.4 - Strategie attuali di riduzione e gestione del rischio sismico nel BE​​

Graphical abstract D 1.2.4.jpg

Abstract 

Il Disaster Risk Reduction (DRR), con l'obiettivo di anticipare-ridurre il rischio, e il Disaster Risk Management (DRM), relativo alle azioni che mirano alla riduzione del rischio, sono le aree principali di interesse che occorre analizzare mentre si approfondisce lo studio dei SUdden Onset Disasters (SUOD) il loro impatto sull'ambiente costruito (BE).

Le strategie e le politiche di riduzione del rischio di catastrofi definiscono traguardi e obiettivi su diverse scale temporali e con target, indicatori e tempi appropriati. In linea con il Sendai Framework for Disaster Risk Reduction 2015-2030, questi dovrebbero mirare a prevenire la manifestazione del rischio di catastrofi, la riduzione del rischio esistente e il rafforzamento della resilienza economica, sociale, sanitaria e ambientale.

 

Questo report mira a condurre una revisione sistematica della letteratura per ottenere informazioni su come migliorare la DRR nelle aree urbane. Nello specifico degli eventi sismici, è possibile individuare due categorie principali di strategie di mitigazione del rischio incentrati su: la riduzione della vulnerabilità e/o dell'esposizione (RVE); o il miglioramento della risposta alle emergenze (IER). Queste strategie possono poi essere applicate attraverso una serie di misure distinguibili in misure strutturali e non strutturali.

È stato realizzato un focus più specifico sui documenti con indicatori quantitativi per la DRR. Dall'analisi dei risultati, la ricerca è stata condotta principalmente con 4 aree di attenzione per gli indicatori: un approccio olistico che combina fattori sociali o gestionali, la forma urbana e la morfologia, il ruolo degli spazi aperti, i metodi di analisi del rete dei percorsi della città.